Avviso di vendita e perizia di stima nelle aste immobiliari

Prima di acquistare un immobile all'asta è fondamentale analizzare nel dettaglio l'avviso di vendita e la perizia di stima. Vediamo cosa contengono e dove reperirli.

Si parte dalla scheda dell'asta presente sul Portale delle vendite pubbliche .

Ogni asta è identificata dal codice R.G.E. unito al codice lotto nella forma Tribunale di ..., numero procedura/anno, n° lotto/oppure lotto unico.

Es. Tribunale di Milano, 1234/2021 lotto n° 5.

Una volta identificata la scheda dell'asta è importante consultare gli allegati disponibili. Come minimo deve esserci:

  • l'avviso di vendita
  • la perizia di stima

Avviso di vendita#

Descrive la procedura per partecipare all'asta e generalmente contiene:

  • modalità di vendita: con incanto, senza incanto
  • le date da rispettare per partecipare all'asta (è utile per sapere se c'è il tempo materiale per fare la propria indagine, visitare l'immobile e partecipare all'asta)
  • il prezzo della base d'asta, l'offerta minima, ecc.
  • l'importo della cauzione e le modalità per versarla
  • come deve essere presentata l'offerta d'acquisto
  • come funziona la modalità di vendita e le procedure da rispettare
  • come richiedere la visita dell'immobile

Perizia di stima#

La perizia è una sorta di istantanea dello stato di un immobile in una certa data. Tale documento è prodotto dal perito nominato dal giudice e contiene:

  • la data di redazione della perizia. Tale data è importate perché il formato delle perizie (cioè cosa devono contenere) è stato standardizzato dopo il 1° marzo 2006 e arricchito dopo settembre 2015. Quindi se la perizia è successiva si potrà contare su più informazioni. La data serve anche a capire quanto tempo è passato. Se la perizia è di 2 anni fa, l'immobile potrebbe essere stato modificato da quando è stato visionato dal perito.
  • la descrizione dell'immobile oggetto dell'asta e la sua identificazione catastale.
  • la categoria catastale e la destinazione d'uso. Es. A/2 Abitazioni di tipo civile, A/10 Uffici e studi privati, C/1 Negozi e botteghe, ecc.
  • cosa viene venduto, in che quota (diritto di godimento venduto). Es. piena proprietà, la quota indivisa di 1/2, nuda proprietà, ecc.
  • la storia dei passaggi di proprietà. Serve per vedere se ci sono state donazioni, successioni, ecc. In alcuni casi, entro vent'anni, gli eredi potrebbero impugnare una donazione.
  • lo stato dell'occupazione dell'immobile e a che titolo è occupato. Ad esempio potrebbe essere formalmente libero, ma occupato da persone senza diritto. Oppure essere occupato da un affittuario con contratto regolare oppure occupato dall'ex-moglie (es. assegnazione della casa coniugale in seguito a sentenza di separazione).
  • la presenza di vincoli che potrebbero limitare le operazioni di ristrutturazione. Es. vincoli storici, artistici, architettonici, paesaggistici, ambientali, ecc.
  • la consistenza del bene in mq (metri quadri).
  • la stima dei costi minimi di ristrutturazione.
  • gli eventuali costi da sostenere. Es. arretrati delle spese condominiali non pagate che ricadranno sul nuovo proprietario, spese per sanare delle difformità catastali/urbanistiche, ecc.

Alle volte oltre alla perizia di stima sono presenti anche fotografie dell'immobile, planimetrie catastali, ecc.

Per una questione di spazio e tempo non è detto che tutti i documenti in possesso del perito, del delegato alla vendita e del custode vengano scansionati e caricati online. Tra questi vi sono:

  • planimetrie catastali
  • licenze edilizie
  • estratto di mappa
  • certificati di agibilità
  • atto di compravendita
  • contratti di locazione
  • ecc.

Può aver senso provare a chiederli senza nessuna pretesa, perché la loro fornitura non è obbligatoria. Inoltre potrebbe essere che vengano fatti pagare dei costi per la fotocopia.

Non perdere le occasioni all'asta. Iscriviti a gestionale-aste.it per ricevere ogni lunedì il file Excel aggiornato con gli immobili all'asta nella provincia di tuo interesse. Il primo invio è gratutio e senza impegno.

Le informazioni contenute in questo blog sono da intendersi indicative e non hanno pretese né di correttezza né di completezza. Pertanto, prima di acquistare una casa all'asta, conviene sempre affidarsi a un professionista del settore.

Autore: Gestionale-Aste.it
Sono un appassionato di aste immobiliari. In questo blog scrivo le mie considerazioni e quello che ho capito delle aste giudiziarie. Per non perdermi le occasioni all'asta ho creato il servizio gestionale-aste.it che ti invia ogni lunedì il file Excel con l'elenco degli immobili all'asta nella provincia di tuo interesse.
closeIcona closesearchIcona searchmore vertIcona more vertmenuIcona menushareIcona sharelinkIcona linkarrow upwardIcona arrow upward